• CENA SOCIALE 2019

    23 NOVEMBRE, ORE 20

    Un’associazione no profit come L’Asilo dei Grandi vive dell’apporto di tutti i soci e una volta l’anno è bello ritrovarsi e festeggiare in compagnia!

    Per questo il 23 novembre siete tutti invitati alla CENA SOCIALE DI RACCOLTA FONDI 2019, a base di cucina meneghina preparata dallo chef Marco Olivieri, che tanti hanno avuto il piacere di conoscere ai corsi di cucina.
    Dobbiamo essere tanti, perché più saremo, più ci divertiremo e più senso avrà la festa alla quale ogni socio può invitare anche altre persone.

    Ma… a cosa serve una cena sociale di raccolta fondi?
    Certamente a creare un’occasione di incontro per divertirsi insieme, gustare specialità lombarde e raccogliere idealmente i risultati di un anno di associazione in un clima festoso.
    E naturalmente a raccogliere fondi per la sopravvivenza de L’Asilo dei Grandi.

    Per questo motivo invitiamo  50 SOCI A PARTECIPARE CON ALMENO UN ACCOMPAGNATORE, così da riempire i circa cento posti a disposizione, che siamo certe si esauriranno in fretta!

    CONTIAMO SU DI TE
    e ti invitiamo a mandare subito la tua adesione, scrivendoci a info@asilodeigrandi.it

    Menù

    Salame
    Crostini caldi con lardo
    Nervetti con cipolla
    Quartirolo con peperoni verdi
    Giardiniera
    Cassoeula con polenta (in alternativa: mondeghili)
    Gorgonzola con polenta
    Meneghina
    Acqua e vino

    Quota di partecipazione: 25 €
    Bambini, fino a 12 anni: 10 €
    (caparra obbligatoria)

     

    La cena si terrà il 23 novembre 2019, ore 20, nello spazio in via Manduria 90, Milano
    (in fondo a via dei Missaglia, accanto alla storica chiesetta dei SS.Pietro e Paolo ai Tre Ronchetti)

    Per prenotazioni inviare una mail a: info@asilodeigrandi.it  indicando il numero di partecipanti.

    Il pagamento può essere fatto con bonifico o
    tramite Paypal, con o senza carta di credito, oppure passando a trovarci 🙂

    Vi aspettiamo!

     

    DATI PER PAGAMENTO

    IBAN:  IT36Y0503401736000000001611
    Banco BPM S.P.A. – Ag.20
    Intestato a: L’ASILO DEI GRANDI
    Nella causale del versamento è necessario scrivere il nome e il numero dei partecipanti.
    Oppure tramite Paypal,  cliccando direttamente su questo link:  https://paypal.me/asilodeigrandi/

    ——————————————————————————————————————–

    CURIOSITA’ SULLA CHIESA DEI TRE RONCHETTI

    A sud della città, in un’area caratterizzata ancora dalla presenza di campi, sorge questa piccola chiesa, scrigno di bellezze artistiche. L’edificio è ricco di documenti d’arte che illustrano gli sviluppi della cultura lombarda dal XVI al XIX secolo e conserva un organo restaurato e restituito al suo antico splendore.

    Per quanto riguarda la denominazione della chiesa, si deve fare riferimento ai ronchetti, che sono i campi strappati alla boscaglia. Proprio ai ronchetti si costituì la popolazione attorno al nucleo religioso originario costituito dagli oratori di San Pietro e di S. Materno.

    Durante l’arrivo dei barbari, in particolare a seguito delle devastazioni di Milano da parte degli Unni di Attila, questa zona ebbe un incremento di popolazione in fuga dalla città, che si raccolse proprio in questa zona che offriva campi da coltivare.

    Da un documento si ha notizia della presenza della chiesa San Pietro e Paolo intorno al 1300, quando ormai, terminate le invasioni barbariche, Milano aveva conquistato gradatamente l’autonomia e il predominio in Lombardia, sotto la guida dei Torriani e poi dei Visconti.

    Questi ultimi divennero proprietari di parecchio terreno, subito fuori delle mura cittadine, in quel Ronchetto medio o Ronchettino, chiamato poi visconteo, che, unito ai Ronchetti inferiore e superiore, formò, appunto, i Tre Ronchetti.

    Aneddoti e curiosità

    La zona dei ronchetti, secondo la testimonianza del diacono Paolino, era già conosciuta da Sant’Ambrogio, patrono della città, che avrebbe vagato nella periferia milanese per sfuggire all’avvenuta elezione episcopale, cercando invano di raggiungere Ticinum o Pavia.

    Il 9 aprile 1567 la chiesa riceve la visita di San Carlo Borromeo, evento ecclesiale che porterà dopo pochi mesi alla costituzione della parrocchia dei Tre Ronchetti.

    fonte